Riflessioni sui convegni Back to the future: 1968, the 1960s and our time e Il ’68: che cosa rimane dell’utopia